Il vino giusto per brindare nella Capitale Italiana della Cultura?

È Manté, la linea dedicata alla nostra bella Mantova

Dalla Cantina di Gonzaga, tre vini per celebrare le nostre origini. Mantova infatti è stata fortezza della dinastia dei Gonzaga, patria del celebre Virgilio e oggi Capitale Italiana della Cultura.

Mantova: una cornice stupenda per dar vita a prodotti di eccellenza simbolo della liaison tra la sfera enograstronomica e quella culturale.

Grazie a questa atmosfera e al forte legame con il territorio che contraddistingue Cantina di Gonzaga dal 1928, nasce la linea Manté. Tre vini (Rosso, Rosé ed Extra Dry) per ricordare Mantova e la sua leggenda: indovina greca fuggita dalla città di Tebe e giunta sulle rive del fiume Mincio per rigenerarsi insieme al figlio Ocno. In questa culla, insignita anche del titolo Unesco di patrimonio mondiale dell’umanità, prendono vita grandi lambruschi che arricchiscono il panorama enogastronomico mantovano, a tratti poco conosciuto, ma che è in grado di stupire turisti da tutto il mondo.

La linea Manté

Manté è una linea di vini di pregio dalla facile beva e riconosciuti come ottimo accompagnamento per primi, secondi o aperitivi. Manté Extra Dry è lo spumante della Cantina di Gonzaga ottenuto dalla soffice pressature delle uve e fermentazione a bassa temperatura. Si caratterizza per il colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, perlage fine e persistente con schiuma cremosa. Dal bicchiere si diffondono note fruttate, eleganti e briose; risulta essere un vino gradevole e vellutato grazie ai sentori di agrumi che sfumano in sentori floreali.

ManteExtraDry_Gonzaga

L’Extra Dry, prodotto dai vitigni “Lambrusco” e “Chardonnay”, ha un gusto accattivante, pieno e rotondo, che sprigiona freschezza e sapidità. È un vino versatile, adatto a tutto pasto ma perfetto per un brindisi nella Capitale Italiana della Cultura 2016, ricordando i fasti del grande rinascimento italiano.

Scopri anche le altre bottiglie della linea Manté: Manté Rosso, Manté Rosé e Goccia d’Oro sono perfetti per rappresentare la tradizione mantovana a tutto pasto.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn